Anche se parliamo di anima e del senso della vita, non state per leggere l’ennesima tirata sul recupero della spiritualità nel mondo moderno.

Non in senso stretto. Quello che vorrei sottolineare qui, con parole mie, è che questo nesso fra l’Anima e il significato della vita è in realtà il terreno in cui germina il nostro potenziale personale. Quello dove la piena realizzazione di sé può fiorire.

Perché definiamo, intanto, “Anima”. Si può fare in tanti modi, ma qui e ora torna utile una definizione che ne dà il Dott. Pagliara. E’ un oncologo di grande rinomanza che ha integrato nel suo approccio terapeutico medicina convenzionale e olistica. In uno dei suoi video che ho visto, la descrive come segue.

“Non l’anima dal punto di vista religioso; l’anima dal punto di vista medico, cioè la dimensione immateriale dell’essere umano. E quindi, i vostri pensieri, le vostre emozioni, i vostri sentimenti, i vostri stati d’animo”.

I quali, sottolinea poi, “non sono degli inutili accessori, ma hanno un ruolo importante” anche nella determinazione dello stato di malattia. Lui infatti, con molti altri, sostiene fermamente che “Il vero nemico non è la malattia. Il vero nemico è determinato dalle cause della malattia.” E queste cause risiederebbero essenzialmente nell’Anima. L’Anima dal punto di vista medico 🙂 E dal punto di vista energetico? Anche, perché in questo senso, parlare di anima e spirito ci porta necessariamente a parlare… di demoni.

I demoni dell’anima

Il daimon – in greco – era un antico archetipo, molto prima di indossare i panni e le corna che la cultura religiosa gli ha regalato. Nell’antica Grecia era infatti la voce dell’anima, la corrente sotterranea presente in ognuno – di cui ci parla anche la Mindfulness. Nella tradizione indiana è chiamato Antaryamin, e corrisponde alla scintilla divina interiore, al Sé Superiore. Voce immateriale, incaricata di guidare l’essere umano a imparare dall’esperienza ed evolvere, sviluppando il proprio potenziale. Unica e specifica per ciascuno. In che modo ci parla, se è immateriale? Attraverso pensieri, emozioni, sentimenti, stati d’animo… E questo apprendimento su chi siamo e cosa siamo destinati a diventare sarebbe, in sé, l’essenza della vita. Se volete, possiamo chiamarla la voce del cuore.

Cosa c’entra con il campo energetico umano? Orbene, la parola demone è ben nota nella disciplina che studia come si presenta il nostro sistema energetico personale, in base alle nostre dinamiche psico-emotive. Si chiama Psicoenergetica, rimando al link di seguito fra parentesi per capire chi se ne occupa e con quali titoli scientifici (e di conseguenza anche di che cosa la pranopratica si cura).

Per farla breve, qui, diremo solo che ognuno dei nostri sette chakra primari ha il suo ‘demone’. Ovvero, quell’emozione fondamentale che più di altre riesce a bloccarne uno sviluppo pieno ed equilibrato, e un funzionamento corretto. Il padre della bioenergetica, Alexander Lowen – un sano psicanalista -, individua invece cinque demoni principali. Ferite emotive fondamentali, o eventi scatenanti, che influenzano il nostro sviluppo psicoemotivo e i nostri meccanismi di relazione, fin dall’infanzia. Altri hanno dato a questi cinque demoni il nome di ‘ferite del bambino interiore’… Si tratta comunque dei famosi demoni interiori, che ogni cultura della crescita personale ci invita ad affrontare e a vincere. Per ritrovare noi stessi e dare un nuovo senso alla vita.

L’inconscio e il segreto della vita

Quella voce del daimon greco, quella guida interiore, poteva quindi essere ascoltata e trasformata in azioni consapevoli, in linea con il nostro sé autentico. Oppure repressa, e lasciata cadere nell’Ombra che oggi chiamiamo inconscio e subconscio. Portiamo la cosa nella nostra vita per un attimo.

Indovinate cosa accade di solito, soprattutto in una cultura della performance, dell’allineamento agli standard sociali e del tempo per tutto tranne che per noi stessi? Appunto… e così – si riteneva nell’Antica Grecia, e si ritiene oggi quando si parla di medicina integrata – ci allontaniamo dalla nostra Anima. Quindi dal nostro centro, dal nostro scopo di vita. E’ così che si crea quel senso di vuoto dentro, quella mancanza di qualcosa a cui non si sa dare un nome… presente la sensazione?

Il lavoro dell’anima, però, è farsi sentire. Quando ci allontaniamo da lui, il daimon non può permetterci di rimanere nel nostro nostalgico oblio della sua presenza. E’ stipendiato dalla Natura per urlare più forte. E così, se inascoltato, diventa demone interiore: emozione travolgente, o peggio repressa e destinata ad esplodere, pensiero ricorrente, malessere profondo. E molto altro ancora. Mai sentito dire che più del 90% delle nostre azioni è guidato dall’inconscio? Esso diventa un motore di azioni e reazioni, e letteralmente combatte contro ciò che crediamo di dover essere, crediamo di dover fare, crediamo di dover sapere. Contro tutto ciò che rappresentano quelle strutture comportamentali di difesa di cui ci parla Lowen. Strutture che adottiamo per difenderci dal dolore e non sentirlo più.

Il dolore però è un insegnante, e se ci rifiutiamo di affrontarlo, di affrontare il demone, egli non farà altro che darci altri compiti a casa. Sempre gli stessi, e sempre più difficili. Da là sotto, dall’inconscio, il daimon induce azioni e reazioni non consapevoli, attira e scatena eventi – sentito parlare della legge di attrazione, no? E se serve, in quest’ottica, può degenerare in malattia: questo è il suo megafono, l’urlo estremo. Lo strumento più forte per segnalare all’essere umano che sta sbagliando strada, una chance – per quanto dolorosa – per ritrovare la consapevolezza di sé.

In questa scuola, i compiti sono l’essenza della vita, e lo scopo ultimo è laurearci in “Ama te stesso e la vita in ogni sua sfaccettatura, per poterti realizzare”. La parola chiave, qui, diventa quindi la scelta. Affrontare il daimon e farci due chiacchere, o lasciarlo urlare sempre più forte. Lasciarsi minacciare dalla tigre o cavalcarla. Come se fosse facile 🙂 E infatti, non lo è.

Il riequilibrio energetico mirato

I nostri chakra, oltre ai propri demoni, possiedono in sé anche le risorse per affrontarli. Nel seminario esperienziale I Chakra e l’Anima – l’Energia del nostro scopo di vita (che speriamo di riproporre presto nel mio studio) esploravamo in un breve viaggio proprio queste risorse. Fiducia, Creatività, Amore… E davamo degli strumenti di meditazione specifici. Per poter fare un’autolettura consapevole del proprio stato, allenarci ad ascoltare la voce del cuore e stimolare gli strumenti interiori che possono donarci un maggiore equilibrio.

Ed esiste poi, quando siamo in difficoltà, la possibilità di intraprendere un percorso di riequilibrio energetico mirato, individuale e specifico. Che con tecniche precise, dal rilascio somato emozionale al lavoro antistress, possono stimolare il nostro sistema di rilassamento. E’ quando questo sistema è attivo che i messaggi dell’anima riescono ad emergere alla consapevolezza con più facilità, e a guidarci verso un maggiore benessere personale. Come misura di sicurezza, quando sentiamo il bisogno di ritrovare la nostra centratura. O come percorso complementare, per occuparci anche del nostro spirito più sottile – oltre che del corpo e dell’ ‘anima in senso medico’ – durante un periodo di cura.

Quindi, alcune sedute ed è fatta, liberi di volare verso il sol dell’avvenir? Purtroppo non sempre 🙂 Le nostre strutture di difesa sono complesse e strutturate in moltissimi livelli. E oltretutto, esistono per un motivo funzionale: ci sono dolori che non siamo ancora pronti ad affrontare. Le nostre maschere sono lì a proteggere il nostro cuore finché non arriva il momento giusto. Ma quando qualcosa dentro inizia a urlare talmente forte da condizionarci davvero nella nostra vita di tutti i giorni, e ce ne accorgiamo, allora il momento è arrivato. Lì c’è qualcosa di cui prenderci cura ora, uno dei nostri demoni è maturo per essere affrontato. E’ solo che nessuno ce lo ha insegnato. Fare qualcosa di concreto, con l’intenzione di andare oltre e con il nostro impegno personale, ci porta un passo avanti verso l’espressione del nostro pieno potenziale.

Vuoi provare di persona?

Richiedi un colloquio gratuito, o fissa una seduta di prova a soli € 29,00 (solo fino a giugno)!

Trovi in basso alcune testionianze sul mio lavoro.

Contattami
Testimonianze

Con Loretta, persona splendida, ho fatto un percorso nel peggior periodo della mia vita. Avevo bisogno di lasciar andare, digerire, metabolizzare quello che mi è successo. Il suo prezioso lavoro mi ha aiutato molto, mi ha fatto riscoprire la mia forza interiore, ha riequilibrato le energie e canalizzate nel modo giusto. Grazie Loretta! Recensione da Facebook

S. F. 3 Lei, Valdagno - VI

Loretta è una professionista accogliente e trasmette sicurezza. Mi ha guidato in un percorso di crescita, aiutandomi ad abbandonare vecchi pensieri limitanti e dolorosi. Mi sono sentita migliorata nell’umore, nel corpo e nello spirito. La consiglio assolutamente! Recensione da prontopro.it

G. M. Lei, Montecchio Maggiore - VI

Mi sento di consigliare Loretta per il suo modo di prenderti “in carico” che considera la persona nella sua globalità. Mi sono rivolta a lei per un problema e ne ho risolti pure altri. Sono molto contenta di aver intrapreso questo percorso. Recensione Facebook

C. A. Lei, Arzignano - VI

Grazie di cuore, l’amore che si è respirato in questi incontri è stata un’esperienza dolcissima e di unione con il tutto. Il silenzio ha parlato, mi ha insegnato, continuate nel vostro percorso di diffusione di questo grande potenziale che è AMORE! Grazie, M.

Chakra e Anima – 2 Sull'evento "I Chakra e l'Anima"

Grazie per avermi fatto riscoprire quanto sia bella la vita e quanto importante è vivere e non sopravvivere. Grazie per aver fatto ribattere il mio cuore e per avermi insegnato come le radici ancorate saldamente al suolo siano linfa vera. Un abbraccio con il cuore e con l’anima.

Chakra e Anima – 1 Sull'evento "I Chakra e l'Anima"

Ho fatto con Loretta una bellissima esperienza e mi ha aiutato a superare dei problemi che mi disturbavano da tempo. E’ stato proprio un lavoro molto intenso, e lei è bravissima e paziente, ma le sue mani emanano un’energia che senti ti lavora in profondità. E’ vero che poi il lavoro lo devo fare io, ma lei mi ha dato proprio la forza e l’aiuto per spingere un pò più in là i miei limiti. Lo consiglio proprio con tutto il cuore. Recensione Facebook

T. L. Lei, età 60-65, Valdagno - Vi

Ho fatto con Loretta un percorso completo, in più trance, andando a lavorare da capo a piedi per un riequilibrio generale e soffermandoci su alcuni punti più “critici”. È stata per me un’esperienza perfetta, ragionata e insieme di estrema sensibilità (nella duplice accezione di legata ai sensi e alle sensazioni nonché di attenzione e cura del rapporto con la persona). Il suo approccio è globale e profondo, oltre che consapevole di dove può spingersi e aperto a renderti partecipe di ciò che sta facendo e…

S.C. Lei, età 25-30, Torri di Quartesolo - Vi

Io ho fatto due tipi di lavori con Loretta. Trattamenti puramente rilassanti, giusto per farsi una coccola, estremamente piacevoli durante la seduta e che poi ti alzi dal lettino con un sorriso un po’ ebete stampato in faccia e una sensazione di leggerezza e armonia. Ho fatto poi dei trattamenti mirati a risolvere dolori, disturbi, sensazioni spiacevoli a volte anche non ben definite. Loretta non affronta il dolore ma lo accoglie, lo addomestica, lo coccola e poi lo accompagna gentilmente all’uscita. La netta sensazione che…

L. G. Lei, età 45-50, Cornedo Vicentino - Vi
Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *